Santa Sindone

sito ufficiale



 Santa Sindone » Ostensione 2015 » Press Room » Intervento dell'Arcivescovo Mons. Nosiglia in apertura della venerazione straordinaria 
Intervento dell'Arcivescovo Mons. Nosiglia in apertura della venerazione straordinaria della Sindone   versione testuale

Arcivescovo Cesare Nosiglia, Custode Pontificio del Telo

Saluto alle autorità 

 

Illustrissimi, 

 

grazie di aver voluto partecipare a questo momento così importante per le diocesi di Piemonte e Valle d’Aosta, che hanno portato qui, nel cuore di Torino, i loro giovani, pellegrini verso Roma dove incontreranno, insieme con i giovani di tutta Italia, Papa Francesco. Per la Chiesa di Torino è un onore e una grande gioia accogliere questi pellegrini un po’ speciali. 

 

Come in occasione delle precedenti ostensioni il ringraziamento alle istituzioni e alle autorità non è solo doveroso ma viene dal profondo del cuore: la Chiesa di Torino ha trovato, anche in questa occasione, la collaborazione pronta e cordiale di tutti coloro cui ci siamo rivolti. Per me questo clima indica quello che dovrebbe essere sempre lo stile dei rapporti fra istituzioni, territorio, cittadini: lavorare insieme, nel rispetto delle competenze di ciascuno, e avendo bene presente che la finalità è uguale per tutti, il servizio a quel nostro “bene comune” che è la Città. I giovani, poi, rappresentano il nostro stesso futuro: e non ho bisogno di ricordare a voi quanto sia importante offrire loro occasioni di conoscenza, impegno, scambio reciproco di orientamenti, valori. 

 

Altro, e fondamentale, motivo di gioia è per me vedere riunite le figure istituzionali davanti alla Sindone. Perché quel Telo, che per i credenti ha un valore incommensurabile, rappresenta per tutti i torinesi e piemontesi un “patrimonio” centrale per il nostro territorio. I racconti e le testimonianze che ho letto e ascoltato dell’incendio del 1997 mi hanno fatto capire come, ben al di là del significato religioso, artistico, culturale, la Sindone fa parte, e profondamente, della nostra identità. Ora anche la Cappella si prepara ad esserci restituita, e anche questo è un bel segno del lavoro comune che andiamo svolgendo. 

 

+ Cesare Nosiglia,

Arcivescovo di Torino