Il Custode della Sindone

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Con la morte di Umberto di Savoia, avvenuta il 18 marzo del 1983, la Sindone passa per volontà testamentaria in proprietà della Santa Sede. L’atto di donazione è perfezionato il 18 ottobre dello stesso anno.
Il Custode Pontificio della Santa Sindone è l’Arcivescovo metropolita di Torino e Vescovo di Susa, S.E.R. mons. Roberto Repole, che succede nell’incarico a S.E.R. mons. Cesare Nosiglia.

Il Saluto del Custode (S.E.R. Mons. Cesare Nosiglia)