Archivi della categoria: Scienza

Gli Statuti

Approvati da S. Em. il Card. Giovanni Saldarini Arcivescovo di Torino il 30 Novembre 1998 Parte integrante degli Statuti della Confraternita del Santissimo Sudario in Torino approvati da S. Em. il Card. Giovanni Saldarini Arcivescovo di Torino il 21 ottobre 1992 Art. 1 La Confraternita del SS. Sudario, fondata in Torino nel 1598, ha istituito il 18 dicembre 1959, con l’autorizzazione e sotto il patrocinio … Continua a leggere »

Il Governo

Pier Cesare CARCHERI                     Presidente  Bruno BARBERIS                                 Direttore  Nello BALOSSINO                               Vice Direttore  Gian Maria ZACCONE                         Vice Direttore  Giuseppe GHIBERTI                            Delegato del Custode Pontificio Cariche onorarie Pierluigi BAIMA BOLLONE                  Direttore Onorario   

La storia del CIS

La prima fotografia della Sindone eseguita da Secondo Pia nel 1898 ha segnato una svolta decisiva per il prezioso telo conservato a Torino dal 1578. Da una parte cambia il mezzo di diffusione dell’immagine della Sindone nel mondo, prima affidato alle arti manuali, contribuendo in maniera determinante ad accrescerne la devozione popolare e la conoscenza, e dall’altra, fatto non meno importante, la scoperta dell’immagine sul … Continua a leggere »

Lo Statuto della Confraternita

Approvato da S. Em. Rev.ma Cardinale Giovanni Saldarini Arcivescovo Metropolita di Torino il 21 ottobre 1992 CAPITOLO I CostituzioneArt. 1 – La Confraternita del Santissimo Sudario, eretta il 25 maggio 1598 con Decreto Arcivescovile, ha sede a Torino in via San Domenico n. 28, presso l’omonima chiesa di sua proprietà. Con R. Decreto in data 2 novembre 1933 ne fu riconosciuta – ai sensi del … Continua a leggere »

La storia della Confraternita

La Confraternita del Ss. Sudario nasce a Torino nel 1598 per opera di un gruppo di fedeli della parrocchia di S. Pietro del Gallo devoti alla Sindone, il prezioso telo trasferito da Chambéry a Torino 20 anni prima per volere del duca Emanuele Filiberto. Chiedono e ottengono l’approvazione dell’Arcivescovo Carlo Broglia che giunge con decreto del 25 maggio 1598 e pongono la Confraternita sotto la … Continua a leggere »

La diffusione della conoscenza della Sindone

Un altro compito molto importante che spetta agli studiosi della Sindone è quello della divulgazione dei risultati degli studi e delle ricerche, con il ben preciso impegno di garantire un’informazione corretta, accessibile a tutti ma scientificamente inoppugnabile e avulsa da ogni tipo di preconcetto e fondamentalismo. Purtroppo ciò nel passato non sempre è avvenuto, con il risultato che troppo spesso all’opinione pubblica invece dei risultati … Continua a leggere »

Dopo il 1988

Dopo il 1988 si è entrati in un nuovo periodo nel quale la ricerca sulla Sindone ha incominciato a svilupparsi secondo nuove linee direttive. Innanzitutto è emerso un campo di studio non nuovo, ma mai seriamente affrontato prima: la metodologia di conservazione della Sindone. Nel 1992 venne avviato un ampio e articolato piano di studio allo scopo di affrontare e risolvere questo delicato ed importante … Continua a leggere »

Dal 1969 al 1988

Nel secondo periodo (1969-1988) alle metodologie precedenti (mai abbandonate) si è affiancato lo studio del tessuto e dell’immagine attraverso esami ed analisi fatti direttamente sulla Sindone e tramite prelievi di campioni di vario genere. Ciò è stato possibile grazie all’utilizzo di nuove conoscenze e tecnologie soprattutto nei campi della fisica, della chimica, della biologia, della medicina legale. Sono state in tutto quattro le campagne di … Continua a leggere »

La trasformata di Fourier

Un altro strumento di indagine che permette di fornire risultati significativi nello studio della Sindone è la trasformata di Fourier. Si tratta di uno strumento matematico molto importante per l’elaborazione di immagini; essa permette di ottenere, in particolari domini di interesse, risultati non raggiungibili con le tecniche utilizzate nel dominio spaziale, cioè quelle considerate finora. La trasformata di Fourier converte un’immagine dal dominio spaziale a … Continua a leggere »