Santa Sindone

sito ufficiale

Ostensione 2015
19 aprile - 24 giugno Duomo di Torino
 Santa Sindone » News e Info » Archivio news » Mostra foto ostensione 2010 
In mostra le foto dell'ostensione 2010   versione testuale
Dall'8 ottobre 2011 nella chiesa del Santo Sudario

Un’occasione per ripercorrere i 45 giorni dell’ostensione della Sindone del 2010, per ricordare il continuo flusso di pellegrini provenienti da tutto il mondo, i volti commossi, curiosi, stupiti di chi affrontava il percorso di avvicinamento al Telo, di chi si ritrovava in Piazza San Giovanni e dopo la visita rientrava ancora in cattedrale per la porta centrale per rivedere da lontano la Sindone. Si tratta della mostra fotografica «Un percorso lungo 45 giorni» che sarà allestita dall’8 al 22 ottobre presso la chiesa del Santo Sudario (via San Domenico 28) a cura della Sezione fotografica del Circolo ricreativo dipendenti comunali di Torino e del Gruppo Fotografico Ex Allievi Fiat.
«Durante l’ostensione – spiega Adriano Frascaroli che con i fotografi Gian Luigi Ricardo e Maurizio Mangili ha curato l’organizzazione della mostra – si è affidato ai due gruppi di fotografi amatoriali il compito di raccontare i 45 giorni di esposizione del Telo attraverso scatti ‘non istituzionali’. Ogni giorno, dal mattino alla sera, i fotografi hanno ‘presidiato’ i luoghi dell’ostensione alla ricerca di curiosità e di immagini significative che venivano poi esposte nella vetrina del bookshop di piazza Castello e sul sito della Sindone: ora una selezione viene presentata nella mostra per rivivere ancora l’entusiasmo di quelle giornate e valorizzare le immagini raccolte».
In 45 giorni di ostensione i fotografi hanno scattato 12 mila foto, un centinaio tra le più significative costituiscono la mostra allestita nella chiesa del Santo Sudario grazie alla collaborazione con il Museo della Sindone. La visita è gratuita e sarà possibile tutti i giorni dall’8 di ottobre al 22, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19.
Federica BELLO
Da La Voce del Popolo del 2 ottobre 2011, pag. 11
Vedi ancora:
giovani
malati e disabili
volontari