Santa Sindone

sito ufficiale



 Santa Sindone » La Sindone » Scienza » La ricerca » Storia della ricerca » Dal 1898 al 1969 
Dal 1898 al 1969   versione testuale

Le metodologie utilizzate per condurre le ricerche sono state le più svariate anche perché la ricerca sulla Sindone si svolge nei settori più disparati, ognuno dei quali possiede propri metodi e protocolli.
Da questo punto di vista la ricerca sulla Sindone può essere suddivisa fondamentalmente in tre periodi. Il primo (1898-1969) è stato caratterizzato da indagini che si sono occupate essenzialmente dello studio visivo dell'immagine e del tessuto, dedicandosi pertanto a quelle problematiche che si possono affrontare ricorrendo all'esame delle fotografie, quelle di Pia del 1898 e, successivamente, quelle di Enrie del 1931:
- lo studio delle caratteristiche tessili del telo e la sua comparazione con tessuti antichi;
- la descrizione "topografica" dell'immagine fatta con i metodi propri della medicina legale che ha condotto alla conoscenza approfondita e dettagliata delle caratteristiche anatomiche dell'uomo della Sindone, delle ferite e dei traumi che ha subito e delle cause della sua morte. Questo studio è stato effettuato con l'ausilio di esperimenti di laboratorio fatti allo scopo di ricostruire e studiare le conseguenze del supplizio della crocifissione e delle torture che, nel caso dell'uomo della Sindone, l'hanno accompagnata;
- lo studio teorico e sperimentale delle modalità di formazione dell'immagine, per cercare di capire attraverso quale procedimento naturale (chimico, fisico, biologico, ecc.) un cadavere può lasciare su un lenzuolo una traccia con caratteristiche simili a quelle dell'immagine visibile sulla Sindone.