Santa Sindone

sito ufficiale

Ostensione 2015
19 aprile - 24 giugno Duomo di Torino
 Santa Sindone » La Sindone 
La Sindone   versione testuale


Nel 2015, dopo cinque anni dall'ultima Ostensione e a due anni dall’Ostensione televisiva del 30 marzo 2013, la Sindone sarà nuovamente esposta nel Duomo di Torino dal 19 aprile al 24 giugno
 

Perchè l'Ostensione

 
L’esposizione della Sindone è stata concessa dal Papa in occasione dei 200 anni dalla nascita di san Giovanni Bosco. Un’attenzione particolare è dedicata, oltre che al mondo salesiano, ai giovani e ai malati e disabili, con momenti specifici di pellegrinaggio e organizzazione di iniziative di accoglienza.
 

Il motto, il logo

 

«L'Amore più grande», richiamo dal Vangelo di Giovanni (15,13) è il motto scelto dal Custode per questa ostensione. È l'amore di Dio, manifestato nella Passione di Gesù Cristo, nel dono totale della vita, che spinge ciascuno di noi a mettersi a servizio dei fratelli, e dei più poveri in particolare.
 
Il logo dell'ostensione è stato individuato partendo dalla ricerca dei giovani torinesi dell'Accademia di Belle Arti e di gruppi di parrocchie. L'Agenzia Armando Testa lo ha elaborato, facendolo diventare il «manifesto» di questa esposizione della Sindone.
 

La visita alla Sindone

 
La Sindone viene esposta a Torino nella Cattedrale di San Giovanni Battista dal 19 aprile al 24 giugno. Tutti i giorni dell'ostensione, dalle 7.30 alle 19.30, è possibile compiere il percorso di avvicinamento al Duomo. Le visite cominceranno dalle 16 di domenica 19 aprile. Non si potrà visitare la Sindone il 20 e 21 giugno (per la visita di Papa Francesco a Torino del 21 e 22 giugno), e il 24 giugno (giorno di chiusura).
 
La visita alla Sindone è completamente gratuita, la prenotazione è obbligatoria, si può effettuare attraverso questo sito alla pagina "Prenota la tua visita" , oppure rivolgendosi al call center dell’Ostensione al numero +39 011.5295550 (attivo da lunedì a venerdì dalle 9 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 14).
 
Durante l’Ostensione funzionerà anche un servizio di prenotazione “immediata” (per visite in giornata) presso il book-shop ufficiale dell'Ostensione in piazza Castello all'angolo con via Palazzo di città, vicino al Duomo.
 
Tutti i giorni dell'ostensione dalle 7 alle 19.30 sarà possibile, senza prenotazione, entrare in Duomo dalla porta centrale.  
 

Il percorso

 
Il percorso che i fedeli dovranno seguire per raggiungere il Duomo e avvicinarsi alla Sindone è lungo 850 metri e quasi completamente coperto. Il punto di accoglienza è in viale dei Partigiani, poi i pellegrini attraverseranno i Giardini Reali alti e la manica nuova di Palazzo Reale, l’area della pre-lettura per la preparazione alla visione del Telo (proiezione di immagini con dettagli del sudario) prima di entrare nella Cattedrale e potersi fermare qualche minuto davanti alla Sindone. Sono allestiti anche altri servizi come il book-shop dell’ostensione in piazza Castello all’angolo con via Palazzo di Città (che funziona anche come centro per prenotazioni in giornata), le penitenzierie che trovano posto nelle chiese del Corpus Domini e dello Spirito Santo e in una tensostruttura posizionata in piazza San Giovanni (quest’ultima dispone di confessionali attrezzati per l’accesso dei disabili). Sarà destinata, infine, all’Adorazione eucaristica continua la chiesa della SS. Trinità in via Garibaldi.
 
L'Ostensione della Santa Sindone è, inoltre, accompagnata da iniziative ecclesiali e culturali, appuntamenti definiti con particolare cura dal Comitato organizzatore. 
 

Papa Francesco a Torino

 
Il 21 e 22 giugno 2015 papa Francesco sarà a Torino, come da lui stesso annunciato, «per venerare la Sindone e onorare san Giovanni Bosco nella ricorrenza del bicentenario della sua nascita». Sarà accolto dall'Arcivescovo di Torino e Custode pontificio della Sindone mons. Cesare Nosiglia, celebrerà la Messa in piazza Vittorio domenica 21 giugno alle 10.45. Nel fitto programma della visita sono presenti poi momenti di incontro con la città, i giovani, i malati. 
 
 
giovani
malati e disabili
volontari