Sacra Sindone
[STAMPA]

Volontari

I volontari costituiscono una parte molto importante della macchina organizzativa e, nei giorni dell’ostensione e in quelli che la precedono, mettono a disposizione il loro tempo e il proprio impegno per garantire il buon funzionamento di un gran numero di servizi: da quelli legati all’assistenza lungo il percorso di avvicinamento al Duomo e nella cattedrale stessa, all’accompagnamento dei disabili e degli anziani, all’accoglienza dei pellegrini nelle chiese del centro storico, agli incontri con i ragazzi delle scuole torinesi per parlare della Sindone e allo svolgimento di tante altre attività.
Saranno dunque loro, le volontarie e i volontari dell’ostensione, ad accogliere i pellegrini all’inizio del percorso che, dai Giardini Reali Bassi, porterà i fedeli all’interno della cattedrale, davanti alla Sindone. Ad essi sarà affidato il compito di dare il benvenuto a chi, dal 10 aprile al 23 maggio, verrà Torino per vedere il Telo.
Proprio il “servizio d’ordine” lungo il percorso all’esterno e all’interno del duomo, nella penitenzieria e presso gli altri spazi allestiti per l’ostensione, sarà uno dei principali servizi garantiti dai volontari. Risponderanno alle domande più semplici, come possono essere quelle sui tempi e le modalità della visita, dispenseranno anche qualche raccomandazione sul comportamento da tenere, rammentando, ad esempio, che non si potrà usare la macchina fotografica in chiesa e saranno pronti ad aiutare in ogni momento chiunque ne avesse bisogno. 
Sono 4mila le persone che hanno aderito all’invito di offrire una parte del loro tempo per svolgere attività di volontariato durante l’ostensione del 2010. Di essi, 2 mila e 500 saranno impiegati per il servizio d’ordine fuori e dentro la cattedrale, altri 570 si occuperanno di assistenza ai disabili, 520 accoglieranno i pellegrini nelle chiese del centro storico e, se richieste, forniranno loro informazioni storiche, 250 lavoreranno al Museo della Sindone e i rimanenti sono già oggi impegnati in lavori di segreteria (nella sede di via Cappel Verde rispondono al telefono (011 0204721) e via e-mail, per gli incontri nelle scuole, le prenotazioni dei disabili, ecc.).
Tantissimi di loro arrivano da Torino e dalla provincia, ma vi sono anche persone che vengono da molto più lontano. 

 


[STAMPA]