Santa Sindone

sito ufficiale



 Santa Sindone » News e Info » Archivio news » Monsignor Lanzetti, vescovo di Alba, con monsignor Fiandino prega davanti alla Sindone 
Monsignor Lanzetti, vescovo di Alba, con monsignor Fiandino prega davanti alla Sindone   versione testuale




«La Sindone è uno strumento per guardare dentro se stessi, per capire il valore del sacrificio, per imparare a donarsi agli altri». Così ha affermato il 15 giugno monsignor Giacomo Lanzetti, vescovo di Alba, noto ai torinesi come don Mino per avere a lungo prestato servizio presso la Diocesi di Torino, dapprima come parroco fondatore della parrocchia San Benedetto Abate a Pozzo Strada, poi come assistente diocesano di Azione Cattolica, infine come Vescovo ausiliare della diocesi di Torino, insieme con monsignor Guido Fiandino, che oggi infatti lo ha accolto in Duomo. Faceva parte del gruppo anche Franca Ferrero, vedova di Michele Ferrero, fondatore della nota azienda dolciaria di Alba e uomo di grande fede. La Ferrero figura tra i partner di questa Ostensione.

«Sono in visita alla Sindone per la seconda volta in questa Ostensione – ha informato mons. Lanzetti – Solo venerdì scorso infatti ho accompagnato qui oltre 1000 fedeli della diocesi di Alba, ben 18 pullman. E successivamente ho presieduto una Messa alla Maria Ausiliatrice».

Il pensiero di mons. Lanzetti va alla prossima visita del Papa: «L’arrivo in Piemonte di papa Francesco sprona tutti noi a un esame di coscienza, per farci riflettere sulla nostra Pastorale e orientarla verso uno stile semplice, in sintonia con il Vangelo». I giovani sono i primi destinatari del messaggio di questa ostensione e dell’abbraccio con il Santo Padre: «Ho constatato che stanno rispondendo con entusiasmo. Prova ne è che tantissimi ragazzi saranno presenti a Torino e in piazza Vittorio per l’incontro tra papa Francesco e i giovani».
 
Vedi ancora: