Santa Sindone

sito ufficiale



 Santa Sindone » News e Info » Archivio news » Alla Sindone altri 64 senza tetto, "ospiti" di Papa Francesco 
Alla Sindone altri 64 senza tetto, "ospiti" di Papa Francesco   versione testuale





Il 12 giugno hanno sostato in preghiera davanti alla Sindone altri 64 «ospiti» di Papa Francesco, senza fissa dimora e indigenti che frequentano la mensa e i servizi di accoglienza della Basilica di Sant’Eustachio al rione Campo Marzio di Roma, accompagnati dal rettore don Pietro Seguroni e da 7 volontari. 
È il secondo gruppo di senza tetto di Roma in pellegrinaggio alla Sindone, a cui Papa Francesco, tramite il suo elemosiniere padre Konrad Krajewski, ha finanziato le spese del viaggio e donato 30 euro ciascuno.

Padre Krajewski ha incontrato il gruppo alla partenza portando loro il saluto e la benedizione del Papa. Sono stati accolti presso il Sermig da Ernesto Olivero e dalla fraternità dell’Arsenale della Pace. 

«Ogni giorno a mezzogiorno – racconta don Segurani – la basilica di Sant’Eustachio, nel cuore della capitale, si trasforma in un vero e proprio ristorante per i più bisognosi. Accogliamo 150 persone per un pasto completo, dolce compreso, con la massima dignità».

«Nel luogo dove si spezza il pane eucaristico – ha evidenziato - come comunità condividiamo il pane con i nostri fratelli che fanno più fatica. Ci impegniamo dunque ad accogliere l’invito del Papa a portare i poveri dalle periferie al centro». «Molte persone che assistiamo ci chiedono come ricominciare una nuova vita – ha detto - La contemplazione della Sindone sarà dunque occasione per ripartire; dal Volto del Sofferente impresso sul Telo è ripartita una nuova storia di salvezza per l’umanità. La Sindone ci invita dunque a ripartire dall’Amore più grande, dai poveri, per ricostruire una nuova società più equa e giusta».

L’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia ha accolto «gli ospiti» del Papa nella sacrestia del Duomo subito dopo la contemplazione del Telo, salutandoli uno ad uno. Ha poi donato loro una quadro con il negativo del Volto della Sindone che don Seguroni farà appendere nella basilica di Sant’Eustachio che ogni giorno apre le porte ai più bisognosi per condividere il pasto. 
 
Vedi ancora: